Festival Settimane Musicali Internazionali 2024 - 10° edizione

Pianoforte solo, Musica da Camera e Orchestra nei luoghi dell'Oltregiogo

18 appuntamenti di musica classica e contemporanea alla scoperta di natura, siti archeologici e teatri dell’Alto Monferrato.

I protagonisti: giovani affermati musicisti, interpreti dei grandi compositori di ogni epoca e stile.

Raccolta di offerte da destinare alla LILT – delegazione di Novi Ligure

25 maggio ore 21:00
Bosco Marengo, Complesso monumentale Santa Croce
Concerto di Inaugurazione

Solisti di Milano Classica
Pianisti: Giulia Toniolo e Gianluca Faragli

Programma

W. A. Mozart (1756-1791)
Piano Concerto K466
 
J. Brahms (1833-1897)
Piano Concerto Op.15

 

Programma

W. A. Mozart (1756-1791)
Piano Concerto K466
 
J. Brahms (1833-1897)
Piano Concerto Op.15

 

Solisti di Milano Classica
L’ensemble dei Solisti di Milano Classica, fondato nel 2017, è composto dalle prime parti soliste dell’Orchestra Milano Classica.
Formazione agile e duttile composta da cameristi di professione, è dedita ai repertori che richiedono organici leggeri, conferendo loro esecuzioni vivide e interpretazioni raffinate.
L’ensemble si esibisce con regolarità a Milano in Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame, nella Sala Viscontea del Castello Sforzesco, all’IBM Studios Milano. Si è esibito inoltre al Teatro Litta, al Teatro Munari, al Blue Note, allo Spazio Teatro 89, a Palazzo Marino, a Villa Mirabello, nella Sala della Società Filarmonica di Trento e in alcuni dei maggiori festival estivi tra cui il Festival Paesaggi Musicali Toscani in Val d’Orcia e sul palco di Estate Sforzesca.
Tra le varie iniziative in cui i Solisti sono stati coinvolti, ricordiamo il progetto di Jeunesses Musicales dedicato alle Sonate a quattro rossiniane con la voce recitante di Francesco Micheli e i concerti con Remo Anzovino in Lombardia e Friuli Venezia Giulia.
L’ensemble ha collaborato inoltre con i finalisti della categoria Canto (giudice Monica Bacelli) di Amadeus Factory, il primo talent show dedicato alla musica classica andato in onda su Classica HD, e con Elio alla realizzazione del CD del progetto OVS Arts of Italy 2018, uscito con il magazine Amadeus a marzo 2019, ed è stato voluto dalla pianista taiwanese-americana Weiyin Chen quale ospite del suo CD dedicato a Schubert.

Giulia Toniolo studia presso il Royal College of Music di Londra per un Artist Diploma in qualità di RCM Scholar sotto la guida di Norma Fisher e Dmitri Alexeev. Nel 2023 ha concluso il Master of Performance con Distinction presso la stessa scuola con il sostegno della Robert Turnbull Piano Foundation Scholarship. Giulia ha iniziato lo studio del pianoforte con la Professoressa Maddalena De Facci e si è diplomata a 16 anni presso il Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria con il massimo dei voti. Nel 2021 ha conseguito il Diploma di Master dell’Accademia di Musica di Pinerolo studiando con Maestri tra i quali Pietro De Maria, Andrea Lucchesini ed Enrico Stellini.
Negli ultimi anni si è esibita con continuità in numerosi recital solistici in sale quali la Elgar Room della Royal Albert Hall, la Chiesa di St James di Piccadilly, la Westminster Music Library a Londra, il Teatro Diana di Napoli, il Teatro Comunale di Pistoia, Palazzo Albrizzi a Venezia, il Teatro Eden e il Museo Santa Caterina di Treviso e per festival tra i quali “Primavera di Baggio”, il “Monferrato Classic Festival”, il “46° Cantiere Internazionale d’Arte” di Montepulciano, il “Festival delle Nazioni” a Roma.
Si è esibita più volte in veste di solista con le orchestre JOL di León (Spagna) presso l’Auditorium Ciudad de Léon, il “Concentus Musicus Patavinum” di Padova presso la Sala dei Giganti di Palazzo Liviano a Padova e l’Auditorium “Vivaldi” di Jesolo, la Monferrato Classic Orchestra.
Parallelamente allo studio del repertorio solistico, Giulia svolge attività cameristica e si è esibita in numerose occasioni in recital in duo violino e pianoforte e in duo violoncello e pianoforte. Giulia ha studiato musica da camera in formazione di trio nell’ambito dei corsi di perfezionamento tenuti dalla prof.ssa F. Repini presso la Fondazione “Luigi Bon” di Tavagnacco, sostenuta dalla Borsa di Studio Munari-Volpini.
Giulia ha ottenuto molti riconoscimenti e premi in concorsi pianistici, tra i quali il Primo Premio al 27° Concorso Internazionale Pianistico “Stefano Marizza”, il Primo Premio al 33° Concorso Internazionale “Premio Rovere d’Oro” di San Bartolomeo al Mare, il Primo Premio Assoluto oltre che l’intera sezione pianisti del Premio Crescendo di Firenze 2022, il 2° premio al Premio Pianistico nazionale Giangrandi-Eggmann 2021 di Cagliari. In ambito internazionale ha vinto il 2° premio al “6th International Béla Bartòk Piano Competition” di Graz (Austria), è stata finalista e vincitrice del 2° Premio al Premio Tschaikowsky 2021 di Sobrio (Svizzera) e tra i vincitori al XXIV Festival Chopin di Sochaczev in Polonia, avendo così l’opportunità di suonare presso il museo Chopin a Zelazova Wola e il Palazzo Szustra a Varsavia.
Dal 2016, Giulia affianca al proprio percorso artistico l’attività didattica collaborando con alcune scuole di musica del territorio, tra le quali la Scuola di Formazione Musicale IrisMusica. Attualmente presta servizio presso il Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova in qualità di docente di pianoforte per i corsi pre- accademici.

Gianluca Faragli si è diplomato con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore presso il Conservatorio Paganini di Genova. Prosegue gli studi presso il conservatorio Donizetti di Bergamo dove, sotto la guida di Maria Grazia Bellocchio, consegue il Diploma Accademico di II livello con il massimo dei voti e, nel 2024, il Master di II livello in Pianoforte – interpretazione della musica contemporanea. Parallelamente si perfeziona con Enrico Pace presso l’Accademia di Pinerolo.
Si è classificato in più di 30 concorsi pianistici nazionali e internazionali ottenendo diversi primi premi assoluti, tra cui: 23° European Music Competition Città di Moncalieri; X Concorso Internazionale Musicale Premio Crescendo Città di Firenze, a seguito del quale si è esibito nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze; International Music Competition “Paris and London” Grand Prize Virtuoso 2020.
Ha suonato da solista in Italia e all’estero con le Orchestre: Ligeia di Sanremo, Mihail Jora di Bacau, Amici del Pianoforte di Cosenza, Classica di Alessandria, Talenti d’arte di Terni e Paganini di Genova collaborando con direttori quali Gudni Emilsson, Daniele Camiz, Arman Azemoon, Emanuele Stracchi e Vittorio Marchese.
Nel 2020 viene invitato a suonare a Unna (DE) per il concerto di apertura del Festival dedicato ai 250 anni dalla nascita di Beethoven.
Tiene regolarmente recital pianistici e concerti in formazioni da camera per stagioni di rilevanza internazionale, tra cui: Divertimento Ensemble di Milano, Fondazione Primoli di Roma, Accademia Corale Stefano Tempia e Comunità Polacca di Torino, Festival Antonio Vivaldi di Castrovillari, Associazione Ars Modi di Trento, Stiftssaal a Fröndenberg (DE), Festival Careggi in Musica a Firenze, Stagione Musicale di Sassello, Palazzo Albrizzi di Venezia, GOG di Genova, Teatro Sociale di Camogli, Alba Music Festival, Festival Bologna Modern.
Nel 2024 è in uscita la sua prima produzione discografica dedicata al compositore Ferdinand Ries per l’etichetta Brilliant – PianoClassics.
Attualmente è docente di Pratica Pianistica e Musica da Camera presso il Conservatorio Duni di Matera.
Nel 2015 fonda l’Associazione Musica&Cultura Pentagramma per la quale cura la direzione artistica del Festival Settimane Musicali Internazionali e dell’Oltregiogo Piano Competition.

22 Giugno ore 21:00
Rocca Grimalda, Cantine di Palazzo Borgatta
Il Pianoforte Romantico

Recital pianistico
Stefano Brizzi

Programma

F. Chopin (1810-1849)
Scherzo Op.39

S. Rachmaninov (1873-1943)
Etude Tableaux Op.39 no.6

F. Liszt (1811-1886)
Studio trascendentale S.139 / 8

F. Schubert (1797-1828)
Sonata D.784

F. Liszt (1811-1886)
Rapsodia ungherese S.244 / 12

Stefano Brizzi è un giovane pianista nato a Fondi (LT) nel 2007 che si avvicina allo studio del pianoforte all’età di 7 anni.

Il suo percorso musicale, accompagnato inizialmente dal M° Luigi Carroccia, lo vede frequentare, a partire dal 2021, il corso di alto perfezionamento in pianoforte presso l’Accademia Internazionale di Musica e Arte AIMART in Roma, sotto la guida del M° Giorgia Alessandra Brustia.

Numerose le partecipazioni ad importanti eventi musicali quali la rassegna Fondi Music Festival, il 40° Corso Internazionale di interpretazione musicale – Associazione Umbria classica, l’EuroArts Music Festival & Academy a Stettino (Polonia).

Dal 2018 Stefano si distingue in diversi concorsi pianisti internazionali conseguendo numerosi premi. Fra questo si citano i premi ottenuti a Baronissi, Minerbio e Spoleto. Nel 2022 ottiene il riconoscimento finora più importante: il 1° premio nella fase di selezione del Concorso Pianistico Steinway per giovani talenti, che gli vale la partecipazione alla finale italiana a Verona dove conquista il Premio speciale Iancu Tucarman. Il 2023 si rivela essere un anno ancor più ricco di successi, Stefano risulta infatti vincitore assoluto di ben due competizioni pianistiche internazionali, la Henryk Melcer Piano Competition (Polonia) ed il Concorso Pianistico Internazionale Orbetello – junior.

Nonostante la giovanissima età il pianista Fondano ha già riscosso successo in diverse sale da concerto esibendosi in Italia, Austria, Polonia e Romania. Recentissima è la collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura a Bucarest in cui Stefano si è esibito presso la Filarmonica George Enescu imponendosi anche all’attenzione della critica che gli ha dedicato recensioni e articoli su riviste specializzate come Adevarul e riproponendo la sua esibizione sulla televisione nazionale rumena.

29 Giugno ore 21:00
San Cristoforo, Parco del Castello, Sala del Torchio
Le Voci del Clarinetto

Duo Bertolini
Nicola Bertolini –
 clarinetto
Raffaele Bertolini – clarinetto e clarinetto basso

DUO BERTOLINI
Il duo “Bertolini” si esibirà in un concerto il cui programma prevede musiche di Bach, colonne sonore da film di Morricone-Rota-Piovani e capolavori dei giorni nostri con la musica Klezmer. Non mancano all’interno del programma brani di compositori contemporanei viventi che hanno dedicato al duo dei brani che saranno eseguiti in prima mondiale.

Programma

J. S. Bach
Invenzioni n 1, 4, 13

W. A. Mozart
Marcia alla turca

A. Piazzolla 
Libertango

Morricone-Rota-Piovani
Suite di brani di musiche da film (Mission – Il Padrino – Cera una volta il West – La dolce vita – La vita è bella)

A. Petrovic
Musica Nostalgica
Musica Nuragica per cl basso solo

I. Stravinski
Three Pieces for clarinet solo

M. Pavia
Los Corredores de la Memoria per cl basso solo

L. Luka
Streete Life per clarinetto e clarinetto basso

B. Kovacs
Sholem per clarinetto e clarinetto basso

G. Feidman
Let’s be happy

Nicola BERTOLINI nato nel 2007, studia a livello accademico, clarinetto con la Prof.ssa Laura Magistrelli presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Nonostante la giovane età è risultato vincitore di numerosi concorsi (Concorso città di Tradate, Concorso Mercadante di Napoli, Concorso Internazionale di Stresa, Concorso Internazionale di Giussano, Concorso Accademia del Clarinetto, Concorso Internazionale “San Vigilio” di Roma, Concorso “Città di Milano”, Concorso Internazionale di Stresa…) e si esibito in numerosi concerti sia in Italia che all’Estero: Polonia, Slovenia, Austria, Kazakistan (Kazakstan Ortalyk Koncert Zaly) Lussemburgo (Philhamonie), Francia, Spagna, Bulgaria, Messico (sala Ponce del Conservatorio di Città del Messico), sia in formazioni cameristiche che da solista con orchestra: Orchestra Sinfonica dello Stato del Kazakistan, Orchestra Sinfonica OLES di Lecce (Teatro Apollo), Orchestra Sinfonica “Guido d’Arezzo” di Milano, Orchestra Giovanile di Salerno, Orchestra dell’Accademia Sannita di Benevento, Orchestra Sinfonica di Cosenza, Orchestra “Opera Simphony” di Milano, Orchestra “I Filarmonici di Napoli”, Orchestra da Camera “Antonio Vivaldi” della Valle Camonica, Orchestra dell’Assunta in Vigentino (Orchestra ex RAI), Orchestrer Kurpfalzisches Kammerorchester di Mannheim, Orchestra Sinfonica di Puebla, Orchestra Sinfonica Giovanile di Tultepec, Orchestra Sinfonica di Pazardic (Bulgaria)… Attualmente sta ricoprendo il ruolo di primo clarinetto con l’orchestra “INERBA” dell’Accademia Europea di Musica di Erba e dell’Orchestra Guido d’Arezzo di Milano.


Raffaele BERTOLINI ha conseguito il Diploma Accademico di Laurea di II livello in Clarinetto presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano ed un master di primo livello in clarinetto basso tenuto dal M. S Cardo. Ha tenuto numerosi concerti, in diverse formazioni cameristiche, in Europa, America, Asia. Ha tenuto Master Class in Brasile, Turchia, Thailandia, Uruguay,Messico e Kazakistan… Numerose Orchestre lo hanno visto esibirsi da solista: l’Orchestra “I Professori del Teatro San Carlo” di Napoli, l’Orchestra Sinfonica del “Mozarteum” di Salisburgo, l’Orchestra Sinfonica dello Stato del Messico… . Attualmente collabora con l’orchestra Sinfonica Salernitana “G. Verdi” diretta dal M° D. Oren e con l’Orchestra “I Pomeriggi Musicali”. Ha registrato numerosi Cd, ultimamente ha registrato con l’Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano un brano di musica contemporanea per clarinetto basso e orchestra. Ha insegnato presso il Conservatorio di Bari, attualmente insegna presso il Liceo Musicale “Tenca”di Milano e il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce sede di Ceglie Messapica.

6 Luglio ore 21:00
Lerma, Sala Polifunzionale 
Al chiaro di luna

Recital Pianistico
Alberto Lodoletti

image0 copia

Programma

L. van Beethoven (1770-1827)
Sonata Op.27 no.2, “Al Chiaro di Luna”

F. Chopin (1810-1849)
Fantasia-Improvviso Op.66
Scherzo Op.31

F. Liszt (1811-1886)
Mephisto-Walzer
Consolazione S.172 / 3
Rapsodia ungherese S.244 / 2

Alberto Lodoletti si avvicina giovanissimo al pianoforte seguendo le orme della nonna paterna Nelly Schröder, pianista parigina. All’inizio studia pianoforte privatamente, prima con Massimo Cozzi, poi con Luca Sanna e Raimondo Campisi; in seguito, dopo aver conseguito la maturità classica presso il Liceo-Ginnasio “D.Crespi” di Busto Arsizio, frequenta il Conservatorio G.Verdi di Milano, presso il quale, sotto la guida di Vincenzo Balzani, ottiene il diploma accademico con il massimo dei voti. Segue il corso di clavicembalo e tecniche compositive con Ruggero Laganà, e si perfeziona in seguito con Walter Krafft, col quale studia presso il prestigioso Münchener Musikseminar di Monaco di Baviera. Partecipa come allievo effettivo a diverse master-classes e corsi di perfezionamento, tra gli altri con Oleg Marshev, Giovanni Umberto Battel, Mariana Sirbu, Boris Berman, Walter Krafft, Jean-Marc Luisada.
Qualificatosi giovanissimo al Concorso Internazionale di Ispra, vince in seguito il primo premio al Concorso Internazionale Paul Harris di Verbania e al Concorso Internazionale di Camaiore, dove una giuria di prestigio gli conferisce il massimo dei voti con lode speciale per l’interpretazione di Debussy; al Concorso Nazionale di Follonica riceve, oltre al primo premio, anche il premio speciale del pubblico. Nel 2005 ottiene il primo premio e il premio speciale al Concorso Internazionale Jeunes Interpretes di Beaulieau-sur-mer (Francia).
In veste di solista tiene regolarmente concerti fin da giovane età in Italia, Austria, Bulgaria, Germania, Francia, Irlanda, Polonia, Principato di Monaco, Repubblica di Cina (Taiwan), Romania, Spagna, Svizzera e USA. Si esibisce in sedi prestigiose come: in Italia Società del Giardino, Sala Puccini (Conservatorio G. Verdi) e Amici del Loggione del Teatro alla Scala di Milano, Giardino della Fontana dell’Acqua Paola al Gianicolo di Roma, Palazzo Albrizzi di Venezia, Villa Francesca di Stresa, Villa Carlotta sul Lago di Como, Teatro Bibiena di Mantova; nel Principato di Monaco Théâtre des Variétés di Montecarlo; in Francia Château de Chabenet (Le Pont Chrétien, Berry); in Romania Filarmonica de Stat (Sala Thalia) di Sibiu-Hermannstadt, Filarmonica de Stat (Sala Ateneu) di Bacau; in Bulgaria Filarmonica di Stato di Shumen; in Austria Europa-Haus di Meyrhofen; in Germania Gasteig di Monaco di Baviera, Dreikönigskirche – Haus der Kirche di Dresda; in Spagna Fundacion Andres Segovia a Linares; in Taiwan presso la Feng Chia University di Taichung. Dal 2014 al 2017 è stato invitato in USA per tenere concerti e Master-Class in Florida (Univeristy of Tampa).
È invitato in importanti festival e rassegne pianistiche come: in Italia Accademia di Studi Pianistici A. Ricci di Udine, Festival Pianistico L. Gante di Pordenone, I venerdì di Villa Carlotta di Tremezzo, Alba Music Festival, Rassegna musicale Incontri d’autore di Cuneo, Fontanone Classica di Roma; in Romania C. Filtsch International Festival di Sibiu-Hermannstadt; in Germania Gasteig’s International Summer Concert di Monaco di Baviera; in Irlanda Castleknock Music Festival di Dublino. Tiene concerti come solista con famose orchestre quali l’Orchestra Sinfonica Carlo Coccia di Novara, l’Orchestra Filarmonica Mihail Jora di Bacau (Romania), l’Orchestra Filarmonica di Stato di Shumen (Bulgaria), sotto la direzione di Renato Beretta, Ovidiu Balan (Romania) e Robert Gutter (U.S.A.).
Per l’etichetta discografica Sipario Dischi, presso gli studi della RDS s.n.c., ha registrato CD con brani di Beethoven, Chopin, Liszt, Scarlatti, Bach, Rimsky-Korsakov e Moszkowski.

13 Luglio ore 21:00
San Cristoforo, Parco del Castello, Sala del Torchio
Danze spagnole

Duo Eos
Maria Concetta Guglielmo – flauto
Giuseppe Di Paola – fisarmonica

Programma

A. Kusjakow (1945)
Five spanish pictures Op.28

E. Flecijn (1962)
Rapsodia española al estilo flamenco

A. Piazzolla (1921-1992)
Histoire du Tango

Il Duo Eos nasce come formazione stabile nel 2021 dall’incontro tra la flautista Maria Concetta Guglielmo e il fisarmonicista Giuseppe Di Paola, entrambi studenti presso il Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” di Foggia. Dopo aver concluso brillantemente gli studi rispettivamente di flauto e fisarmonica, dall’ottobre 2022 il duo intraprende il Biennio di Perfezionamento in Musica da Camera. Nell’aprile del 2022 è vincitore assoluto del 22° Premio internazionale “Lams Matera” e nel giugno 2022 è vincitore assoluto della prima edizione del Concorso internazionale “Città di Ascoli Satriano” aggiudicandosi un contratto discografico con gli studi di produzione e registrazione “Musicforgestudio” e “Naucrates Music”. Nell’estate del 2022 si esibisce nella rinomata rassegna musicale “Corti di Capitanata” nella serata dedicata ai giovani talenti e in occasione della 28ª Festa della Musica e delle Giornate Europee dell’Archeologia si esibisce presso il Museo Nazionale di Matera. Nel 2023 il duo pubblica il primo progetto discografico dal titolo “Sound Pictures”; si esibisce presso l’Auditorium La Vallisa di Bari per la prestigiosa “Camerata Musicale Barese” e presso la Sala Fedora del Teatro “U.Giordano” di Foggia per la nota Associazione musicale “Musica Civica”. A maggio 2023 risulta vincitore del 1° Premio Assoluto al Concorso musicale internazionale “Francavilla Fontana – Città degli Imperiali”.

27 Luglio ore 21:00
Parodi ligure, Abbazia di San Remigio
La Sonata per Violino e Pianoforte

Duo Santini / Slomp
Tommaso Santini – violino
Lucrezia Slomp – pianoforte

Programma

W. A Mozart (1756-1791)
Sonata KV304

J. Brahms (1833-1897)
Sonata Op.78

O. Nedbal (1874-1930)
Sonata Op.9

Tommaso Santini, violino
Consegue i diplomi accademici con la lode sotto la guida di Marco Bronzi a Bolzano e – grazie a una borsa di studio De Sono – di Sergio Lamberto a Torino; si perfeziona con Ilya Grubert e Eliot Lawson, frequentando anche corsi e masterclass con Dora Schwarzberg, Lukas Hagen, Yair Kless; approfondisce il repertorio di trio con pianoforte con Antonio Valentino e le tecniche d’improvvisazione presso il Centre des Musiques Didier Lockwood (Francia). Dopo un biennio come prima parte dell’Orchestra Giovanile Italiana e  dopo un’esperienza di scambio con l’Orchestre Francais des Jeunes, viene selezionato per l’Orchestra Cherubini, con cui partecipa dal 2016 al 2021 a concerti e tournée in Italia e all’estero diretti da Riccardo Muti.Collabora con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Regio di Torino, la Filarmonica TRT, l’Orchestra Filarmonica di Torino, il Colibrì Ensemble di Pescara, l’Orchestra da Camera di Perugia. È tra i membri fondatori dell’Orchestra Filarmonica Calamani di Orvieto con cui si esibisce in Italia e all’estero come primo violino di spalla. Come camerista si è esibito in diverse formazioni, condividendo il palco, tra gli altri, con Enrico Bronzi, Andrea Lucchesini, Antonio Valentino, Massimo Mercelli.


Lucrezia Slomp, pianoforte
Lucrezia Slomp è nata a Trento. Ha completato i suoi studi musicali presso il Conservatorio “F. A. Bonporti” di Riva del Garda con Maria Grazia Petrali, conseguendo il diploma con il massimo dei voti nell’ottobre 2010 e, nel 2014, la laurea di secondo livello in pianoforte ad indirizzo concertistico solistico, con il massimo dei voti, lode e menzione speciale. Si è quindi perfezionata col Maestro Andrea Turini presso l’Accademia musicale di San Giovanni Valdarno e, successivamente, con il Maestro Pietro De Maria, presso l’Accademia di musica di Pinerolo. Ha dunque proseguito i suoi studi presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra a Roma sotto la guida del Maestro Claudio Trovajoli ottenendo nel maggio 2021 il diploma di post-gradum in pianoforte e, nel gennaio 2022, il diploma di post-gradum in musica da camera. Ha partecipato a diversi concorsi pianistici nazionali ed internazionali, classificandosi sempre nelle prime posizioni. Svolge regolare attività concertistica prevalentemente in Italia. Dal 2015 al 2017 si è avvicinata alla realtà musicale educativa de “El Sistema” in Venezuela, collaborando con le orchestre locali in qualità di solista e di didatta. Attualmente vive a Houston (Texas), dove frequenta un master in “Collaborative Piano” sotto la guida del Maestro Timothy Hester.

10 Agosto ore 21:00
Voltaggio, Pinacoteca dei Padri Cappuccini
Anime Virtuose

Recital Pianistico
Tom De Beuckelaer

tom

Programma

F. Chopin (1810-1849)

Notturno Op. postuma
Polacca Op.53 “Eroica”
Ballata Op.47
Andante Spianato e Polacca brillante Op.22

S. Rachmaninov (1873-1943)

Sonata Op.28

Tom De Beuckelaer, 24 anni, si esibisce in pubblico dall’età di sei anni ed è apparso con orchestra in Belgio all’età di 12 anni, suonando il Concerto n. 20 in re minore, K. 466 di Mozart. Ha continuato ad eseguire concerti per pianoforte e orchestra con varie orchestre come l’USO di Lovanio, l’Orchestra Sinfonica di Harbin, l’Orchestra Camera dell’Istituto Italiano, l’Orchestra degli Studenti del Mozarteum e recentemente ha debuttato con le Royal Belgian Guides suonando il terzo concerto per pianoforte di Rachmaninoff.
Pianista affermato, Tom detiene il titolo di diversi primi premi. In particolare: il 21° “Concorso pianistico internazionale Fryderyck Chopin per bambini e ragazzi”. (Polonia)2013; il 9° Concorso Pianistico Internazionale Chopin Anello d’Oro (Slovenia) 2013; Prinses Christina Concours south-1 a “S-Hertogenborsch” (Paesi Bassi) 2014; l’8° Concorso Pianistico Internazionale Rosario Marciano (Austria) 2016; il 7° Concorso Pianistico Steinway (Belgio) 2017; e il 21° Concorso Internazionale di Musica “Pietro Argento” (Italia)2018; il 37° Concorso Pianistico Andree Charlier (Belgio), 2019; il King’s Peak International Music Competition (online) 2020; Secondo premio al VI Odin International Music Online Competition 2021; Secondo premio al Concorso Internazionale Franz Liszt Center (online) 2021.
Altri riconoscimenti degni di nota includono il secondo premio al 47° Concorso Internazionale Virtuosi per Musica di Pianoforte (Repubblica Ceca 2014), il 3° premio nella categoria professionisti del 3° Concorso Pianistico Internazionale “Villa de Xabia” (Spagna 2015), il quarto premio al 1° Concorso Pianistico Internazionale Rachmaninoff (Russia, 2018), il 2° premio al 3° Concorso Pianistico Orbetello Master (Italia 2019), 2° premio al VI ODIN International Music Online Competition 2021, secondo premio al Franz Liszt Center International Competition (online) 2021, 2° premio EPTA International Competition (Belgio 2021), 3° premio Concours Andree Charlier (Belgio 2021) e 2° premio Concours de Liegi (Belgio 2022).
Nel 2021 Tom è stato insignito del titolo di “Young Steinway Artist”.
Artista attivo, Tom viaggia molto e ha tenuto recital nei Paesi Bassi, Germania, Italia, Spagna, Austria, Polonia, Slovenia, Repubblica Ceca, Latina, Belgio e Cina. Si è inoltre esibito in masterclass tenute da Katarzyna Popowa-Zydron, Wojciech Świtała, Elisso Virsaladze, Andras Schiff, Jacques Rouvier, Anna Malikowa, Ewa Poblocka, Cristina Ortiz e Arie Vardi.
Nato a Schiedam, nei Paesi Bassi, Tom De Beuckelaer ha iniziato a prendere lezioni di pianoforte all’età di 4 anni sotto la supervisione di sua madre. Tra i suoi insegnanti vi furono Jean-Paul Vanden Driessche e Heidi Hendrickx. Nel 2017 si iscrive come studente di bachelor all’Università Mozarteum di Salisburgo, nella classe del professor Pietro De Maria. Attualmente continua i suoi studi con il Prof. Aleksandar Madžar presso il Conservatorio Reale di Bruxelles e l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola con il Prof. Boris Petrushansky.

6 Settembre ore 21:00
Parodi Ligure, Abazia di San Remigio
Miniature al Quadrato

Recital Pianistico
Maurizio Baglini

Programma 

R. Schumann (1810-1856)
Arabeske Op.18
Carnaval Op.9, Scènes mignonnes sur quatre notes

M. P. Musorgskij (1839-1881)
Quadri di un’esposizione

Maurizio Baglini
Pianista visionario, con il gusto per le sfide musicali, Maurizio Baglini ha un’intensa carriera concertistica internazionale. Vincitore a 24 anni del “World Music Piano Master” di Montecarlo, si esibisce regolarmente all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro San Carlo di Napoli, alla Salle Gaveau di Parigi, al Kennedy Center di Washington ed è ospite di prestigiosi festival, tra cui La Roque d’Anthéron, Yokohama Piano Festival, Australian Chamber Music Festival, “Festival Pianistico Internazionale di Bergamo e Brescia. 
Ha suonato come solista con importanti compagini tra cui l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, la Gustav Mahler Jugendorchester, l’Orchestre Philharmonique de Monaco, la New Japan Philharmonic Orchestra, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, e con direttori quali Luciano Acocella, Francesco Angelico, Marco Angius, John Axelrod, Antonello Allemandi, Umberto Benedetti Michelangeli, Giampaolo Bisanti, Filippo Maria Bressan, Marcello Bufalini, Massimiliano Caldi, Tito Ceccherini, Daniel Cohen, Howard Griffiths, Armin Jordan, Isaac Karabtchevsky, Seikyo Kim, Emanuel Krivine, Antonello Manacorda, Karl Martin, Donato Renzetti, Corrado Rovaris, Ola Rudner, Daniele Rustioni e Maximiano Valdes, Tobias Woegerer. Di recente, insieme al direttore d’orchestra Marco Angius, ha eseguito una rarissima integrale delle opere per pianoforte ed orchestra di Stravinsky. È il solista dedicatario di Tre Quadri, Concerto per pianoforte e orchestra di Francesco Filidei, che ha eseguito in prima assoluta con l’OSN Rai diretta da Tito Ceccherini in streaming su Rai Cultura, Rai Radio 3, EuroRadio e in onda su Rai5 a novembre 2020. Nel Settembre 2021, Tre Quadri é stato eseguito da Baglini e Ceccherini, ancora una volta con l’OSN Rai, in prima esecuzione mondiale con pubblico, al Teatro alla Scala di Milano, per il Festival Milano Musica. Nel 2022 ha suonato come solista al Ravenna Festival, sotto la direzione di Daniel Harding, con la Mahler Chamber Orchestra, in un programma che ha visto protagonista il brano di Azio Corghi “Tra la carne e il cielo”. Il brano fu commissionato al compositore dallo stesso Baglini in occasione del 40° anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini ed è dedicato alla violoncellista Silvia Chiesa.
Accolta da ottime recensioni, la sua produzione discografica per Decca/Universal comprende musiche per tastiera di Liszt, Brahms, Schubert, Domenico Scarlatti e Mussorgsky e la collana Live at Amiata Piano Festival. Baglini sta inoltre realizzando l’integrale pianistica di Schumann e i primi 5 cd sinora disponibili sono già considerati un punto di riferimento interpretativo.
È tra i pochi virtuosi al mondo a eseguire la “Nona Sinfonia” di Beethoven nella trascendentale trascrizione pianistica di Liszt. Dal 2008 a oggi è stato invitato a cimentarsi dal vivo in questo vertiginoso capolavoro su molti prestigiosi palcoscenici – in città tra cui Roma, Milano, Cremona, Parigi, Monaco, Tel Aviv, Beirut, Rio de Janeiro – e nel 2020 ha superato la cifra record di cento esecuzioni.
Ha dato vita all’innovativo progetto “Web Piano” nel quale le sue interpretazioni dal vivo – dal Carnaval di Schumann ai Quadri di un’esposizione di Mussorgsky o Images di Debussy – sono accompagnate dalle videoproiezioni dell’artista Giuseppe Andrea L’Abbate (La Roque d’Anthéron, Lisztomanias, Châteauroux, Emilia Romagna Festival).
Appassionato anche del repertorio cameristico, ha condiviso il palco con Kristóf Baráti, Enrico Bronzi, Gautier Capuçon, Renaud Capuçon, Boris Belkin,
Cinzia Forte, Corrado Giuffredi, Andrea Griminelli, Gabriele Pieranunzi, Roberto Prosseda, Massimo Quarta, il Quartetto della Scala e altri illustri colleghi. Dal 2006 forma un duo stabile con la violoncellista Silvia Chiesa, con la quale ha all’attivo oltre 250 concerti in tutto il mondo.
È il direttore artistico dell’Amiata Piano Festival, la rassegna musicale internazionale che ha fondato nel 2005 e che dal 2015 si svolge al Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Grosseto, Toscana). Dal 2013 al 2023 è stato consulente artistico per la musica e la danza del Teatro Comunale “Verdi” di Pordenone che in questi anni ha realizzato concerti esclusivi per l’Italia, ha dato vita a una collana editoriale in collaborazione con Ets ed è diventato il principale partner della Gustav Mahler Jugendorchester nei suoi tour europei. Nel 2019 è stato nominato Socio Onorario dell’Aiarp, l’Associazione Italiana Accordatori e Riparatori di Pianoforti «per gli alti meriti e gli importanti contributi artistici che la sua attività ha portato alla causa del pianoforte». Suona un grancoda Fazioli. Insegna pianoforte al Conservatorio Statale Pietro Mascagni di Livorno.

14 Settembre ore 21:00
Novi Ligure, Palazzo Spinola

Archi in trio

Trio David
Gloria Santarelli – violino
Chiara Mazzocchi – viola
Tommaso Castellano – violoncello

image0

Programma

L. van Beethoven (1770-1827)
Trio per archi Op.9 no.2

F. Schubert (1797-1828)
Trio per archi D.471

J. Cras (1879-1932)
Trio per archi

Il Trio David nasce dalla dedizione di tre giovani musicisti per la ricerca cameristica e dalla volontà
di scoprire e approfondire un repertorio originale come quello del trio d’archi.

Costituito nel 2020, si sta attualmente perfezionando sotto la guida dei Maestri A. Farulli, P. Bonomini e F. Dillon presso la Fondazione Accademia Internazionale di Imola e la Scuola di Musica di Fiesole. Ha inoltre partecipato a masterclass tenute dai maestri R. Schimdt, D. Mommertz e R. Merlin.

Si esibisce per importanti stagioni concertistiche italiane: il Festival Sesto Rocchi a San Polo D’Enza, il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, nella sala del David di Michelangelo presso la Galleria dell’Accademia a Firenze per “Friends of Uffizi”, per gli “Amici della musica di Modena”, la Fondazione “I Teatri di Reggio Emilia” e il Roero Cultural Events.

Si esibisce all’interno della stagione concertistica della Fondazione Accademia di Imola in Sala Mariele Ventre come trio e in quartetto con il M° Alessandro Taverna.

Partecipa ad eventi culturali come il Festivaletteratura, dialogando attraverso interventi musicali con la poetessa Ruth Padel sul libro Variazioni Beethoven.

Collabora con l’Università di Padova esibendosi all’interno della Sala dei Giganti per una conferenza sul Modernismo nell’ambito del festival “Essere a Tempo”.
Nel 2023 il Trio viene selezionato tra i tre finalisti del “Concorso Alberto Burri” presso Città di
Castello.
Nello stesso anno è scelto dal CIDIM e dall’Accademia degli Sfaccendati per il “Progetto Wolf-Ferrari”, grazie al quale incide l’integrale dei lavori per trio d’archi del compositore italo-tedesco per l’etichetta Brilliant Classics. Per la stessa etichetta registra anche i quartetti per flauto e archi di Ferdinand Ries con Ginevra Petrucci.
Sempre in collaborazione con il CIDIM nel quadro del progetto “Giovani talenti musicali nel mondo” debutta all’estero, presso il “Liszt Institute” a Zagabria, il “Centro delle Arti Contemporanee” di Ankara e e presso l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul.

21 Settembre ore 21:00
Castelletto D’Orba, Chiesa di Sant’Antonio Abate
Omaggio a Bach

Recital Pianistico
Edoardo Bruni

Programma


J. S. Bach (1685-1750)
Variazioni Goldberg BWV 988

Edoardo Bruni è un pianista e compositore trentino.
Dopo gli studi classici, si è diplomato in Pianoforte con il massimo dei voti presso i Conservatori di Trento (Maddalena Giese) e di Rotterdam (Aquiles Delle Vigne), perfezionandosi poi con Arnaldo Cohen, Lazar Berman, Andras Schiff, Leonid Margarius. Si è diplomato in composizione con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Trento (Armando Franceschini, Carlo Galante, Cosimo Colazzo), perfezionandosi poi con Alexander Müllenbach, Azio Corghi, Luis Bacalov. Si è laureato in Filosofia con il massimo dei voti e la lode, presso l’Università di Padova, con una tesi su “La spiegazione teleonomica in biologia” (Prof. Giovanni Boniolo). Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Musicologia con il massimo dei voti e la menzione, in cotutela presso le Università di Trento e di Paris 4 – Sorbonne, con una tesi su “Sistematica delle altezze” (Prof. Rossana Dalmonte – Prof. Nicolas Meeùs).
Svolge da decenni regolare attività concertistica in Italia ed Europa, come pianista (solista ed in formazioni cameristiche, con programmi sia di musica classica che di musica contemporanea e jazz) e come compositore (con numerose esecuzioni di sue opere). Viene spesso invitato come membro di giuria in concorsi di pianoforte e di composizione, nazionali ed internazionali. Ha insegnato presso la Scuola Musicale Giudicarie ed i Conservatori di Verona, Padova, Trento, Siena, Frosinone, Riva del Garda, Darfo-Brescia. Attualmente è Docente titolare della cattedra di Lettura della partitura presso il Conservatorio di Vicenza. E’ fondatore e presidente dell’Associazione Ars Modi, per la quale cura la direzione artistica di numerosi Festival musicali in Trentino – Alto Adige: Più Piano, Katharsis, GiudiJazz, I Martedì di Casa Raphael (Roncegno), Concerti al Grand Hotel Terme (Comano Terme).
Come compositore, ha definito una propria visione estetica, descritta nel Manifesto dell’Estetica della Catarsi, ed ha formalizzato una nuova e personale tecnica compositiva, la Pan-Modalità, che intende sintetizzare e superare la dualità tra tonalità ed atonalità. Basandosi sull’estetica della catarsi e sulla tecnica della pan-modalità, sta ora realizzando il progetto compositivoArs Modi – L’Arte del Modo.